Sei qui
Home > 2014 > maggio

Ex Europa socialista: perché calcio di pari livello ma con pochi titoli?

Nel periodo della guerra fredda, per quale motivo le squadre dei Paesi socialisti – a parità di livello tecnico – conquistavano meno titoli rispetto a quelle degli Stati capitalisti? È una domanda che oggi gli appassionati dai 40 in su si pongono. È noto che quando nel sorteggio-coppe capitava ad

Azawad: la storica lotta per la libertà del popolo Tuareg

Area fra le più etnicamente variegate dell’Africa nord-occidentale – assieme al Niger, al Burkina Faso ed alla Costa d’Avorio – l’odierna Repubblica del Mali dal golpe militare del marzo 2012 non ha ancora raggiunto un assetto istituzionale stabile. Guidato dal colonnello Amadou Haya Sanogo, il Comitato nazionale per la ricostituzione

Artisti anonimi contro l’arte mercanzia

Anni fa nelle Note per un Manifesto, un gruppo di persone senza nome proclamava: “Gli artisti anonimi desiderano liberarsi dallo ‘statu quo’ ponendosi nello ‘statu incognito’. Il loro scopo è quello di rimuovere il crescente imbarbarimento del pensiero che si esprime attraverso circuiti brevi e corsie preferenziali creati dalla commercializzazione

Alba, apogeo e occaso del campionato di calcio III

Avanza la tua bandiera sforacchiata come il tuo petto sulle cicatrici del tempo” 1. Quasi cent’anni fa si giocò il secondo spareggio della storia del campionato2. Pro Vercelli e Internazionale dopo essersi ritrovate a pari punti (25) a fine stagione, dovevano disputare a Vercelli la partita decisiva, in quanto i campioni d’Italia enumeravano un

Alba, apogeo e occaso del campionato di calcio II

Il capitale finanziario affida la produzione sociale alla discrezione di un numero sempre più ristretto di grandi associazioni di capitale; esso separa dalla proprietà la direzione della produzione e socializza quest’ultima sino all’estremo limite compatibile con la sostanziale conservazione del sistema. [...] Il capitale finanziario tende ad imporre un controllo

Alba, apogeo e occaso del campionato di calcio

La giornata conclusiva del campionato di calcio di Serie A c’impone alcune riflessioni su uno dei maggiori fenomeni legati alla società italiana. Anni fa un in un numero di Limes, Sergio Zucchetti definisce il distretto industriale indentificandolo in “un particolare raggruppamento di imprese specializzate in un complesso processo produttivo e strettamente

In Italia è aperta la caccia al rifiuto tossico dell’ex Sisas

Dove sono finiti i rifiuti tossici provenienti dal polo chimico ex Sisas di Pioltello-Rodano? Fin dal 2011, Greenpeace e Legambiente lanciarono un allarme sulla totale mancanza di trasparenza nelle operazioni di “bonifica” delle discariche illegali presenti nei rispettivi comuni alle porte di Milano. Sgomberate in un batter d’occhio, le 280mila

L’arte del Nulla

Immobilità, vuoto, silenzio – nella società di oggi dominata dall’immagine, la pausa, lo spazio bianco, la diversità sempre più guadagnano importanza e si rivelano. Le avanguardie degli anni Sessanta e Settanta come John Baldessari (n. 1931) o la britannica Art & Language (1967) rispondono con scetticismo, o categoricamente rigettano l’idea

Mitopoiesi americolatina della Coppa Italia

Il rapido approssimarsi della finale Fiorentina-Napoli ci dà occasione per alcune riflessioni sul secondo più importante torneo del calcio italiano. Una fra le più usate frasi fatte – imperante nelle comuni rêverie – è che la Coppa Italia sia una manifestazione ‘non sentita’ dai club. Se consideriamo tutte le squadre scudettate dal

Top