Sei qui
Home > Author: Flora Liliana Menicocci

The Lobster: quando l’omologazione arriva a essere un delitto

Il regista greco Yorgos Lanthimos ci immerge in uno scenario di progressivo e inesorabile straniamento. Una fredda dimensione in cui, agli occhi dello spettatore, i costumi sociali sono regolati da assurde prassi, vissute in maniera perfettamente ordinaria per coloro che ne sono protagonisti. The Lobster, premio della giuria al Festival

Arrival: superare i limiti della memoria umana

Atmosfere cupe, interrogativi sul concetto di tempo. La riflessione sul senso della memoria umana. Una narrazione circolare, proprio come i logogrammi con cui comunicano in forma grafica gli eptapodi – provenienti dai recessi dimensionali al di fuori dello spazio siderale, così denominati perché muniti di sette arti inferiori. Esseri improvvisamente

Eugenia Loli: la fusione di arte, tecnologia e surrealismo in un collage

Originaria della Grecia, l’illustratrice ed artista Eugenia Loli lavorava nel settore della tecnologia, prima di sperimentare – a partire dal 2012 – la creazione dei suoi surreali collage digitali d’ispirazione vintage. Una sorta di evoluzione dei “papier collés” ideati dai cubisti nei primi del Novecento. Composizioni che rappresentano il fermo

Storie di fotografia documentaria: Reperta.org

La fotografia quale strumento di analisi e indagine: il progetto internazionale del sito Reperta.org nasce da un’idea italiana che è stata sviluppata, assieme all’architetto e fotografo Alberto Alfredo Landi, fra Torino e Buenos Aires. “Dare un senso alle foto” introducendole in un contesto di documentazione è l’obiettivo del portale che

Mitologia norrena: il culto primordiale delle stirpi nordiche, dalle origini al Ragnarök

Durante un’epoca di gran lunga antecedente alla conversione al Cristianesimo – ve ne sono tracce in Scandinavia, lungo le coste della Norvegia, nella Russia nord-occidentale, in Svezia e nella Danimarca, fin dalle incisioni rupestri del Neolitico superiore – numerosi popoli d’Europa erano accomunati da un culto religioso che risale alla

La Notte del Giudizio, Election Year: quando il crimine regna sovrano

Hanno storto il naso i benpensanti d’Oltreoceano, dichiarandosi disgustati dalle scene di violenza scatenata dai propri concittadini in una Washingston cinematografica e lievemente futuristica dipinta dal regista James DeMonaco. La serie di film giunta nel 2016 al terzo capitolo con The Purge: Election Year (nella traduzione italiana, La notte del

Alina Ditot, una catabasi pittorica della tela

È stata definita dai critici “sacerdotessa eretica” e “nuova Giovanna D’Arco” dell’Arte contemporanea: la giovane pittrice Alina Ditot, nel giro di pochi anni, ha varcato la soglia dei templi museali mondiali. Parigi, New York, Roma, Firenze, Palermo, Edimburgo, Barcellona e Bruxelles sono fra le mete espositive dell’artista, nata a Iași

Fantascienza Anni Settanta: le devastanti formiche di Saul Bass

Psichedelico lungometraggio – l’unico del geniale grafico e titolista statunitense Saul Bass (1920-1996) – che illustra l’ambiguo e deleterio rapporto dell’uomo tecnologico con le forze sconosciute della natura e del cosmo. Un piccolo capolavoro della fantascienza datato anni ’70. In una desertica località dell’Arizona, Paradise City, lo scienziato Ernest Hobbs (Nigel

Henry Miller: un nuovo concetto espositivo per le opere classiche

Avreste mai pensato di poter abitare in una galleria d’arte? Henry Miller – avvocato, collezionista e mercante di opere d’arte – ha realizzato uno spazio espositivo unico nella sua abitazione d’epoca a Walthamstow Village. Circa la sua particolarità, va sottolineato che il tema centrale delle opere esposte e collezionate è

Realismo socialista nell’arte, la sublimazione della materia

Chiarezza, impegno ed evidenza erano i caratteri fondamentali a cui doveva ispirarsi l’arte, collegandosi con tutti gli aspetti della vita, anche i più quotidiani: era l’apice del realismo. Il movimento sovietico novecentesco, emerso tra il 1932 e il 1956 – di cui il pittore Aleksandr Aleksandrovič Dejneka (1899-1969) fu uno

L’invasione degli ultracorpi: sessant’anni di baccelli spaziali

Il soggetto del romanzo di fantascienza Invasion of the Body Snatchers (1955), di Jack Finney, si è talmente radicato nella mente degli spettatori da attraversare decenni di visioni cinematografiche, dalla prima trasposizione sul grande schermo – il film culto L’invasione degli ultracorpi (1956), di Don Siegel – sino al Terzo

Hangar 10: l’incidente UFO della foresta di Rendlesham

Il found footage ‘Hangar 10 – The Rendlesham UFO Incident’, di Daniel Simpson (2014) è ispirato al caso degli avvistamenti avvenuti durante diverse notti del 1980 nella foresta di Rendlesham, nei pressi delle basi della RAF di Woodbridge e Bentwaters – una vicenda spesso indicata anche come “Roswell inglese”. Le circostanze

Area 51, un ex dipendente attribuisce a Stalin l’incidente di Roswell

Migliaia di persone si domandano cosa accada nella misteriosa Area 51, l’installazione statunitense creata per lo sviluppo di tecnologia militare. Situata in un luogo inaccessibile, nel deserto nord-occidentale del Nevada, occultata da una imponente catena montuosa: anche avvicinarsi al perimetro esterno comporta un’impresa piuttosto ardua. Gli hangar, visibili solo in

Monti si è schierato contro il referendum sulla Brexit

A volte ritornano, come un incubo ricorrente da cui pensavamo di esserci liberati. Il senatore a vita – dal 9 novembre 2011 – Mario Monti, l’uomo della Coca-Cola (perché è stato consulente della famigerata multinazionale di Atlanta) e della banca Goldman Sachs disapprova l’imminente referendum sulla Brexit. E non ha

Jurij Gagarin nella spericolata missione Vostok 1

Polemiche sempre accese circa il primato assoluto stabilito il 12 aprile 1961 dal 27enne cosmonauta sovietico – decorato eroe nazionale dell’Urss – Jurij Alekseevič Gagarin (1934-68) all’interno della capsula Vostok 1. Da anni si discute sulle intercettazioni dei fratelli Cordiglia, all’epoca giovani radioamatori torinesi che riuscirono a captare il segnale

Yuggoth, un pianeta sconosciuto ai confini del Sistema solare

Torniamo ad occuparci della possibile esistenza di un pianeta al di là di Nettuno, lo stesso che Percival Lowell (1855-1916), fondatore e direttore dell’Osservatorio astronomico di Flagstaff in Arizona, stava cercando esattamente fino a un secolo fa. L’astronomo notò delle discrepanze nei moti di Urano e Nettuno che lo portarono

Tamara de Lempicka: fra nobiltà declassata, arte e amori saffici

“Silhouette decisamente parigina. Due occhi chiari, penetranti, capelli biondi e naso greco leggermente ricurvo, labbra color carminio e unghie color ocra rossa. Altezza considerevole per una donna. Vestiti da favola, pellicce costosissime, la sua sola presenza suscita curiosità”. Questa la descrizione in un’intervista del 1932 pubblicata dal giornale polacco Swiat dell’audace

Italia, trent’anni di immigrazione e inerzia politica

Tempo fa avevamo parlato dell’incremento dei flussi migratori e degli sbarchi di profughi dal Nord Africa sulle coste meridionali dell’Italia, un’impennata che si registrava fin dal 2011 e portava con sé drammatiche conseguenze, imponendo una risposta istituzionale all’emergenza. La costosa operazione Mare Nostrum per il controllo del Canale di Sicilia

Quando gli italiani erano ricchi, ottimisti e festaioli: prima del crollo del muro di Berlino

Abbiamo rispolverato dei sondaggi che illustrano la situazione del Belpaese meno di trent’anni fa: sorprendente quanto l’Italia sia stata trasformata in un tempo così breve. I nati negli anni Ottanta difficilmente possono ricordare com’era il tenore di vita dei connazionali quando Michail Gorbačëv era l’ultimo segretario generale del Partito Comunista

Pavel Yakovlev, surrealismo post-industriale e speranza nel futuro

Visioni misteriose di un universo onirico ma allo stesso tempo quasi tangibile, si diffondono attraverso opere surreali di Pavel Yakovlev – artista, musicista e ingegnere russo – come se fossero varchi aperti su altre dimensioni. L’irruzione nel mondo sconcertante dell’inconscio collettivo, in cui le prospettive si distorcono e assumono le

Ex Machina, un androide con l’istinto di sopravvivenza

Manipolazione, inganni, seduzione e paure si mescolano fra loro col risultato di generare sensazioni di smarrimento, innestando un ventaglio di dubbi nella mente. Chi è AVA? Una macchina umanoide dalle fattezze di una splendida donna (Alicia Vikander) oppure la coscienza collettiva del genere umano sintetizzata in un corpo robotico? L’amministratore

L’ascesa di Tomoko Nagao, interprete del consumismo kawaii

La società usa e getta, dei servizi e consumi fast. Bisogni indotti di massa che derivano dall’accumulazione di denaro facile, prodotti da divorare il più velocemente possibile, per poi consumare ancora. Nelle opere di Tomoko Nagao, tratti netti e assenza di prospettiva, simboli del consumismo e colori vivaci: è la

Top