Sei qui
Home > Arte

I giardini segreti di Athos Faccincani: percezione della gioia

Nella rigogliosa bellezza degli scorci mediterranei, i colori vividi e brillanti di un pittore che vuole contrastare le situazioni drammatiche della vita: Athos Faccincani, nato nel 1951 a Peschiera del Garda, negli anni Ottanta ha scelto il paesaggio come soggetto della sua ricerca artistica. Portofino, Positano, Mykonos e Santorini, luoghi

Giulio Crosara: Elevazione, un percorso sensoriale

Una mostra fotografica concettuale firmata dall’artista Giulio Crosara – classe 1984 – si terrà nel cuore di Milano, dal 13 aprile al 7 maggio presso Alson Gallery: Elevazione. Una esperienza interiore restituita dalle immagini e dall’ambientazione sopraelevata di una passerella che accoglie i visitatori in uno spazio anticonvenzionale. La sensazione

Il mercato delle opere d’arte: come si stimano

Non è un mistero che un ruolo importante nel mondo dell’arte oggi sia rivestito dalle case d’asta. Oltre al fatto che esse costituiscono sempre di più l’ago della bussola del mercato dell’arte, nell’ambito di quella contemporanea si sono anche imposte nella scoperta di talenti. Può infatti succedere che siano proprio

Henry Miller: un nuovo concetto espositivo per le opere classiche

Avreste mai pensato di poter abitare in una galleria d’arte? Henry Miller – avvocato, collezionista e mercante di opere d’arte – ha realizzato uno spazio espositivo unico nella sua abitazione d’epoca a Walthamstow Village. Circa la sua particolarità, va sottolineato che il tema centrale delle opere esposte e collezionate è

Realismo socialista nell’arte, la sublimazione della materia

Chiarezza, impegno ed evidenza erano i caratteri fondamentali a cui doveva ispirarsi l’arte, collegandosi con tutti gli aspetti della vita, anche i più quotidiani: era l’apice del realismo. Il movimento sovietico novecentesco, emerso tra il 1932 e il 1956 – di cui il pittore Aleksandr Aleksandrovič Dejneka (1899-1969) fu uno

Tamara de Lempicka: fra nobiltà declassata, arte e amori saffici

“Silhouette decisamente parigina. Due occhi chiari, penetranti, capelli biondi e naso greco leggermente ricurvo, labbra color carminio e unghie color ocra rossa. Altezza considerevole per una donna. Vestiti da favola, pellicce costosissime, la sua sola presenza suscita curiosità”. Questa la descrizione in un’intervista del 1932 pubblicata dal giornale polacco Swiat dell’audace

Varsavia: fotografia alternativa del quartiere Praga

A est della Vistola c’è Praga, ex quartiere operaio di Varsavia: Kasia Bartoszewska, studiosa di filologia e fotografa amatoriale, ci trasporta coi suoi scatti negli angoli più nascosti della città. Oltre la sponda orientale, in un’atmosfera rimasta intatta – come prima dei bombardamenti della II Guerra mondiale, ai quali fortunatamente

L’arte corre sui social: Juan Brufal e la sua esperienza

Siamo ormai abituati alle manifestazioni artistiche che si esprimono in luoghi pubblici, la corrente dell’arte urbana attraverso cui le città diventano musei a cielo aperto: graffiti e vernice spray colorano edifici e mura dei centri abitati, metropoli e sobborghi assumono l’aspetto di aree espositive permanenti e in continua evoluzione. Oggi,

Pop Art: il Giappone conquista il pubblico italiano

A giudicare dal successo riscosso dall’anteprima dedicata alla Pop Art giapponese – un evento recentemente organizzato dalla Galleria d’Arte Contemporanea Deodato di Milano – sembra che l’abilità espressiva degli artisti del Sol Levante abbia fatto ancora una volta centro nell’immaginario italiano. I riflettori si sono accesi sulla Superflat Art –

A Milano, l’inedita sperimentazione digitale di Andy Warhol

Saranno esposte per la prima volta in Italia opere sperimentali di Andy Warhol realizzate per mezzo del computer Amiga 1000: si tratta di elaborazioni digitali e acetati della serie Ladies and Gentleman, ritratti di personalità frequentate dall’artista – oltre a serigrafie, filmati, fotografie e dischi che, insieme alle riviste “Amiga

Jackson Pollock, un monopolio USA

Come riuscì Jackson Pollock (1912-1956), celebre artista statunitense fra i maggiori esponenti dell’Espressionismo astratto, a riscuotere un successo talmente vasto da impattare sulla cultura d’Oltreoceano fino a innalzare New York al vertice dell’universo artistico post-II Guerra mondiale? Un indiscusso talento non è sufficiente senza essere l’uomo giusto, al momento giusto

Berlino, artisti contro la sorveglianza digitale

Straordinaria affluenza di visitatori quest’anno a Berlino per la 28esima edizione del festival Transmediale dedicato alla cultura e alle arti digitali. Capture All, il titolo dell’evento diretto da Kristoffer Gansing e ospitato dal 28 gennaio al 1° febbraio 2015 nella Haus der Kulturen der Welt – costruzione simbolo della modernità

In mostra a Taranto: Le donne di Federico

A Grottaglie (Taranto), dal 2 al 9 aprile si terrà una originale e affascinante mostra di sculture in ceramica: saranno esposte gratuitamente al pubblico 22 statue realizzate da Domenico Pinto – artista particolarmente attento alla cultura tradizionale della “città delle Ceramiche”, spesso coniugata nelle proprie opere con l’innovazione tecnica. Il

Jan De Cock e i suoi Denkmal

Jan De Cock, artista visuale, ha creato nel 2005 la sua prima opera monumentale in Germania per gli esterni e gli interni della Galleria d’Arte Schirn di Francoforte sul Meno. Nato nella municipalità di Etterbeek (Bruxelles) il 2 maggio 1976, è uno degli artisti maggiormente in vista della generazione X.

Milano: in esposizione l’arte sottile del grafene

Un nanomateriale dalle proprietà eccezionali potrebbe rivoluzionare in breve tempo la realtà quotidiana: il grafene – flessibile, leggero, trasparente. Denso e ultrasottile ma più resistente dell’acciaio – con le sue innumerevoli applicazioni sta diventando un fenomeno planetario. Per la scoperta, fatta tramite sperimentazioni in laboratorio sulla grafite, nel 2010 è stato

Rodin e Beuys fra fine Ottocento e alba dell’epoca contemporanea

Il francese François-Auguste-René Rodin (1840-1917) e il tedesco Joseph Beuys (1921-86), con la loro comprensione della scultura e del disegno, hanno esercitato un’influenza decisiva sullo sviluppo dell’arte nel sec. XX secolo, e il loro pensiero è tuttora attuale. Nel lavoro grafico di entrambi gli artisti, il corpo femminile fornisce il

Dal Romanticismo di ieri al Neoromanticismo di oggi nell’immaginario artistico

In una società caratterizzata da una crescente mobilità e da calanti legami sociali, prevale un nuovo desiderio di intimità e la sicurezza. Il diluvio di cattive notizie e immagini terrorizzanti rende le persone avide di luoghi sani e prospettive di redenzione. La congiuntura si riflette anche nelle arti visive odierne.

Artisti anonimi contro l’arte mercanzia

Anni fa nelle Note per un Manifesto, un gruppo di persone senza nome proclamava: “Gli artisti anonimi desiderano liberarsi dallo ‘statu quo’ ponendosi nello ‘statu incognito’. Il loro scopo è quello di rimuovere il crescente imbarbarimento del pensiero che si esprime attraverso circuiti brevi e corsie preferenziali creati dalla commercializzazione

L’arte del Nulla

Immobilità, vuoto, silenzio – nella società di oggi dominata dall’immagine, la pausa, lo spazio bianco, la diversità sempre più guadagnano importanza e si rivelano. Le avanguardie degli anni Sessanta e Settanta come John Baldessari (n. 1931) o la britannica Art & Language (1967) rispondono con scetticismo, o categoricamente rigettano l’idea

La macchina fa arte: fuori gli autori, dentro il pubblico

Cosa succede quando le macchine producono arte? Gli artisti diventano ingegneri? L’artista si ritira apparentemente dall’atto creativo: per cui quali sono le conseguenze per l’originalità e l’unicità dell’opera d’arte? Che cos’è allora l’opera d’arte: la macchina, il prodotto o l’atto di produrlo? Ad iniziare dalle macchine trafilatrici di Jean Tinguely

Op Art e arte cinetica. Non forme e materia, ma spazi e interazione

L’emergere di Op Art e dell’arte cinetica ai primi degli anni Sessanta manifestò un forte interesse sia per il concetto di oggettività che nei confronti della sperimentazione scientifica. Affascinata dalle leggi fisiche della luce e dell’ottica, un’intera generazione di artisti si dedicò ad esplorare i fenomeni visivi e i principi

György Ligeti. Quattro inni immortali

Pur essendo ateo, l’ungherese György Sándor Ligeti (1923-2006) scrisse due veri e propri capolavori di musica religiosa: il Requiem, per soprano e mezzo soprano solista, due cori misti e orchestra (1963-65) e Lux æterna, per 16 voci soliste (1966). Quest’ultima originariamente apparve quale sorta di coda1 del Requiem, traendo l’impostazione

La corrente psichedelica nell’arte

La psichedelia1 rappresentò il collegamento fra l’arte contemporanea, la cultura popolare e la protesta nel corso degli anni Sessanta e i primi dei Settanta. Essa costituì un interessante ma anche uno degli approdi maggiormente trascurati, e non solo in Italia, della storia dell’arte del sec. XX. Il dialogo tra l'arte

L’Uomo Nuovo e l’arte

Spesso accade che – circondati da brutture e volgarità di un’ipocrita ed estetizzante visione massmediatica – ci sfuggano riferimenti fondamentali dell’arte del Novecento dai quali quelle forme traggono origine. Una di queste è il realismo socialista, che fa da contraltare alla grandiosità delle opere d’arte e architettoniche sovietiche del primo

La scultura a sud del Sahara alla base del Primo Novecento europeo

Se sfogliamo un testo di storia dell’arte, o un’enciclopedia pubblicati alla fine del sec. XIX o all’alba del XX, notiamo come l’Africa sia del tutto ignorata da critici ed esperti. Un primo serio apprezzamento dedicato all’arte africana – che doveva condizionare profondamente quella europea del Primo Novecento – si ebbe

Africa: le splendide arte e urbanistica dell’antica Benin

I pregiudizi di ordine culturale hanno nascosto ed eliminato – per lunghissimo tempo – dalla visione conoscitiva della percezione comune, l’antichissima storia dell’arte africana. E càpita spesso, quando focalizziamo nei nostri archetipi estetici, la grandiosità delle creazioni egizie – che studiamo, incantati e commossi, attraverso un manuale o fissiamo sul

Top