Figli di un pensiero minore: superato il complesso di Edipo per approdare a quello di Narciso

Torneo Anglo-Italiano. Un’autorete giocando in casa

(di Giovanni Armillotta)

Un programma inglese della IV Edizione - footballnews.blog.it

Un programma inglese della IV Edizione – footballnews.blog.it

Una fra le competizioni più interessanti e innovative è stato il Torneo Anglo-Italiano. Tutt’oggi anche i tifosi nati fra il 1960 e il ’61, sia pure ai primi interessi calcistici, ricordano con nostalgia tale manifestazione, creata nel 1970.
Il torneo era ideato e organizzato dal calabrese Gigi Peronace (1925-80). Grande dirigente della Figc e perfetto conoscitore pure del calcio d’Oltremanica, fu uno dei protagonista sia dell’elezione di Artemio Franchi (1922-83) alla presidenza dell’Uefa, che alla nomina di Enzo Bearzot (1927-2010) a commissario tecnico della Nazionale nel 1976. Personaggi d’altri tempi.

La rassegna si svolgeva in genere nella tarda primavera fra squadre professionistiche, in partite di andata e ritorno, ove ogni club non s’incontrava mai con una società dello stesso Paese1, e in finale giungevano le migliori, rispettivamente per Federazione a classifiche distinte. Gli incontri in Italia erano arbitrati da inglesi, e viceversa in Inghilterra, eccettuate le finali.

Una simpatica e spettacolare innovazione, applicata alle prime tre edizioni (’70, ’71 e ’72), fu che nei gruppi eliminatori, oltre ai due punti per la vittoria e uno per il pareggio, era attribuito un punto anche per ogni rete segnata. Nella sola edizione 1973, si sperimentò la ‘zona limitata del fuorigioco’ valida soltanto entro l’area dei sedici metri (quella di rigore), però ampliata nelle linee laterali del campo.

Il torneo ebbe un grande successo da parte del pubblico delle due scuole, in quanto esso era impostato per favorire un gioco nettamente offensivo. Rispetto alla prima edizione, nella seconda si ebbe addirittura un aumento del 73% di spettatori e del 77% degli incassi. E via via maggior entusiasmo, e anche violenza, da parte di tifosi e calciatori. Leggi ancora…

Pagine: 1 2

Giovanni Armillotta

http://www.giovanniarmillotta.it

Giovanni Armillotta è direttore di «Africana» (Pisa-Lucca), rivista di studi extraeuropei: periodico di classe A, per il settore 14/B2: Storia delle Relazioni Internazionali, delle Società e delle Istituzioni Extraeuropee, secondo l’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca; inoltre essa è fra le quattordici riviste italiane consultate dall’«Index Islamicus» dell’Università di Cambridge. Sito web personale: http://www.giovanniarmillotta.it

View more posts from this author

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>