Leggi gli articoli sul Pianeta Rosso

Generazione X

Sapere aude

Dove sono le nonne? Solo in pubblicità

Condividi:

Da cinquantanni in qua: ”Io ne ho viste cose…” Era il 1963: l’esordio in prima elementare. Le scolarette colleghe – tanto per fare il conto pari – sarebbero le nonne di oggi: quelle a cui fa riferimento la pubblicità quando parla di ricette, rimedi, segreti della “nonna”. Ma stiamo scherzando? Le mie amichette di quinta non credevano nemmeno alla Befana. Non parliamo delle 20-30enni di allora, me le ricordo bene: disprezzavano raccontar favole a sorelline e fratellini, dileggiando proprie madri e nonne (quelle reali) che lo facevano. E le suddette giovani, adesso dovrebbero essere le depositarie del sapere tradizionale greco-romano-islamo-germanico-slavo con centro nel Mediterraneo? Ma fatemi il piacere! Forse lo stuolo delle allora pure 15-19enni le quali facevano a gara nel provare le mini più seducenti, rappresenterebbero le vecchie streghe in chiesa, col fazzoletto nero in capo, e coperte dallo scialle dello stesso colore. Io le ricordo in San Basilio mentre il pope celebrava alle porte di Tannhäuser.

Quelle bambine e ragazze di ieri non sono nonne, ma unicamente le anziane che si levano alle 4:59 per preparare il sugo natalizio al nipote sfigato, e mandare dopo Capodanno il marito (il “nonno”) alle poste per pagare le rate-auto del figlio 40enne.

Cartoline amate in specie da occidentali e amerikani che vedono l’Italia come un’eterna cucina sempre in disordine, in assenza di vere nonne.


Iscriviti al gruppo dei sostenitori per accedere ai contenuti extra

Latest posts by Andrej Ždanov (see all)
Leggi anche:  “Le seconde in Serie C non ce la fanno quasi mai”: i luoghi comuni favoriscono la violenza in provincia

Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.