Sei qui
Home > Sport > Mitopoiesi americolatina della Coppa Italia

Mitopoiesi americolatina della Coppa Italia

Il rapido approssimarsi della finale Fiorentina-Napoli ci dà occasione per alcune riflessioni sul secondo più importante torneo del calcio italiano. Una fra le più usate frasi fatte – imperante nelle comuni rêverie – è che la Coppa Italia sia una manifestazione ‘non sentita’ dai club. Se consideriamo tutte le squadre scudettate dal 1898, la percentuale di queste anche vincitrici della Coppa Italia1 è pari all’89,4; invece, se dal 1898 facciamo un salto in avanti di ben settant’anni – ponendo quale cesura la prima grande vittoria della Nazionale all’indomani del secondo dopoguerra (Campionati europei 1968) – la percentuale sale addirittura al 91,5. Inoltre, fissando l’ulteriore metro di paragone al Napoli di Maradona (89-90, ossia il recente quarto di secolo), i valori restano alti con l’84,6%. Per smantellare il suddetto luogo comune sarebbe bastato citare la Juventus, società col maggior numero di titoli sia in Campionato (29/111; 26,1%) che in Coppa (assieme alla Roma: 9/66, 13,6%). A meno che, per ‘dar tono’ alla Coppa Italia, non ci si fosse aspettato 17 e non ‘soltanto’ 9 vittorie da parte dei bianconeri, tanto per mantenere la percentuale, fingendo che gli altri non esistessero. Cosa alquanto difficile poiché – contrariamente al principio del numerus clausus – essa è aperta a compagini di B e C, le quali stocasticamente (e non solo, infra) hanno avuto, e hanno – nel lungo periodo – notevoli possibilità di affermazioni parziali o finali. La matematica – come insegnano, non gli onorati della Medaglia Fields o del Premio Abel, ma pallacanestro, pallavolo, baseball ed altri sport – non è un’opinione; e quindi si giustifica appieno la differenza di percentuale delle zebre nelle due competizioni nazionali.

La Coppa Italia e il suo peso internazionale

L'Atalanta 1963-64 con la coccarda tricolore di vincitrice della Coppa Italia 1962-63- www.passionemaglie.it
L’Atalanta 1963-64 con la coccarda tricolore di vincitrice della Coppa Italia 1962-63

Fattore determinante ai fini dell’altissima collocazione tecnica della Coppa Italia è la forte propensione delle proprie squadre in àmbito internazionale.
Dalla creazione di Coppa dei Campioni (55-6) e Coppa delle Coppe (60-1) fino alla stagione che ha chiuso definitivamente il torneo per le coppe nazionali (98-9), i bilanci fra i Campioni d’Italia e le protagoniste di Coppa Italia è in perfetta parità. Sette vittorie dei Cd’I in Coppa Campioni2; sette vittorie dei club di CI nella Coppa Coppe3; e aggiungiamo che nella Coppa Coppe 60-1, la Fiorentina era ‘solamente’ finalista di Coppa Italia l’anno prima4. Da rilevare che nel 2003 il Milan prima ha vinto il titolo continentale (28 maggio) e tre giorni dopo la Coppa Italia (31 maggio); l’Inter fece l’inverso nel 2010: prima la Coppa Italia (5 maggio) e poi la Coppa dei Campioni (17 giorni dopo). Come vedete il quadro depone a favore della tanto bistrattata manifestazione nazionale.

Infine anche nella Supercoppa europea – che poneva di fronte i vincitori delle suddette manifestazioni5 – il bilancio è in parità. Tre trofei per i Campioni d’Italia6; tre per le vincitrici di Coppa Italia7. Un perfetto equilibrio di valori pratici ai fini dei risultati che la Figc mette(va) sul piatto della bilancia europea.

Non scordiamoci che nelle stagioni in cui l’Italia ha conseguito 0 (zero) successi in Coppa Campioni (69-70/83-4: ben cinque lustri!), le vincitrici di Coppa Italia hanno retto le sorti del nostro calcio con due affermazioni in Coppa Coppe8, allora considerata, anche ufficialmente, il secondo più importante trofeo dell’Uefa. Al contempo, fra Coppa Fiere e Coppa Uefa, vi fu un solo acuto9; per il resto 0 (zero) Coppe Intercontinentali e una Supercoppa europea10. Equazione 69-70/83-4: Coppa Italia = Coppa Campioni + Coppa Fiere/Uefa + Coppa Intercontinentale + Supercoppa europea. È sempre bene leggere i giornali.

Atalanta e Parma, sulle orme di Miranda, Bolívar e San Martín

La formazione della Roma nella prima Coppa Italia vinta, 1963-64; i giallorossi sono i protagonisti del torneo con 9 vittorie e 8 finali perse su 66 edizioni - www.almanaccogiallorosso.it
La formazione della Roma nella prima Coppa Italia vinta, 1963-64: i giallorossi sono i protagonisti del torneo con 9 vittorie e 8 finali perse su 66 edizioni 

Nelle guerre per l’indipendenza americolatina ai primi del sec. XIX, Simón Bolívar e José de San Martín, i due Libertador – illuminati dalla figura di Francisco de Miranda, el Precursor11 – certamente adottarono tattiche e strategie che Atalanta e Parma assimilarono a un dipresso.
L’équipe di Paolo Tabanelli, dopo aver conquistato la Coppa Italia piegando il Torino a San Siro per 3-1 (2 giugno 1963), s’iscrisse alla Coppa Coppe 63-4. Essa, condotta dal nuovo allenatore, Carlo Alberto Quario, ebbe la malasorte d’incontrare al primo turno lo Sporting Lisbona che, oltre a superare i neroazzurri nel rocambolesco spareggio di Barcellona (finito ai tempi supplementari), vinse anche la manifestazione. Trascorsero ventitré anni e l’Atalanta di Nedo Sonetti disputò le finali di Coppa Italia 86-7, soccombendo in due partite col Napoli (0-3 e 0-1). Già il traguardo era significativo, poiché per la prima volta veniva raggiunto da una società già retrocessa in B: prima era capitato unicamente alla retrocedenda Lazio (60-1)12.

Il contemporaneo titolo nazionale del Napoli, portò la compagine di Emiliano Mondonico a disputare la Coppa Coppe 87-8. Evento storico: esordio di una cadetta italiana nella corte dell’Uefa. L’Atalanta di Serie B raggiunse addirittura i quarti, prendendosi la soddisfazione di vendicarsi dello Sporting (2-0 e 1-1), venti volte campione del Portogallo. Cadde in semifinale ancora una volta contro il club che avrebbe vinto la coppa: gli ostici e tecnicamente squallidi belgi del KV Mechelen. Ma ciò che non fece Miranda, realizzarono Bolívar e San Martín.

Il Parma di Nevio Scala (allenatore sino al 1996), promosso soprendentemente in A al termine del campionato 89-90 (quarta classificata in B) fu accolto con scetticismo dalle solite cassandre che poi, a fine annata, dovevano rivedere i loro giudizi, in quanto i gialloblù dimostrarono “di possedere un buon organico e di saper praticare un gioco di pregevole fattura”13 (quinta a pari merito col Torino).

Esordio in Coppa Uefa 91-2: eliminata per la rete in trasferta dagli esperti bulgari del CSKA Sofia (0-0 e 1-1). Nella stessa stagione si aggiudicherà la Coppa Italia alle spese della Juventus (0-1 trasf e 2-0): non fu un fuoco di paglia. L’anno dopo vincerà pure la Coppa Coppe 92-3 (3-1 all’Antwerp in quel di Wembley), bissando con la vittoria in Supercoppa europea contro il Milan14 (0-1 e 2-0 trasf.).

Arriveranno altre due Coppe Italia (98-9: Parma-Fiorentina 1-1 2-2, all. Alberto Malesani; e 2001-02: Juventus-Parma 2-1 0-1, all. Pietro Carmignani), nonché affermazioni internazionali. Una finale persa in Coppa Coppe 93-415 (0-1 contro l’Arsenal a Copenaghen), la Coppa Uefa 94-5 contro la Juventus (1-0 e 1-1 a Milano16) e la Coppa Uefa 98-9 (3-0 all’Olympique Marsiglia a Mosca).

Attualmente il Parma con tre Coppe Italia si pone ai vertici delle società non campioni d’Italia: Atalanta (62-3), Vado (1922), Venezia (40-1) e Vicenza (96-7); vantando un numero di trofei maggiore delle scudettate Bologna (69-70 e 73-4) e Genoa (36-7).

Il Parma ha costruito la propria credibilità ed il rispetto nazionale ed estero di cui gode, lottando tenacemente anche sui prosceni della Coppa Italia… altro che poco sentita! A domani per la seconda parte.

Regolarità delle finaliste di Coppa Italia (1922/2012-13)

Tabella
La colonna delle finaliste perdenti ha per somma 73, nonostante le edizioni siano 65, poiché nelle stagioni 67-8, 68-9, 69-70 e 71-2 la Coppa Italia è stata assegnata attraverso un gruppo finale a quattro.
Note:
1 Considerando pure la vincitrice della Coppa Italia 2013-14, in quanto Fiorentina e Napoli sono entrambe scudettate.
2 Internazionale (63-4), Juventus (84-5 e 95-6) e Milan (62-3, 68-9, 88-9 e 93-4). Le affermazioni di Internazionale (64-5) e Milan (89-90, 2002-03) nelle Coppe dei Campioni sono state conseguite non in virtù del titolo italiano conquistato le stagioni precedenti (rispettivamente Bologna 63-4, Inter 88-9 e Juventus 2001-02), ma dal fatto che la loro partecipazione era dovuta alle qualità di detentori della Coppa Campioni o iscritte da regolamento (Milan nella 2002-03).
3 Fiorentina (60-1), Juventus (83-4), Lazio (98-9), Milan (67-8 e 72-3), Parma (91-2) e Sampdoria (89-90).
4 Nella stagione 59-60 la Juventus vinse anche lo scudetto e, per regolamento, s’iscrisse alla Coppa dei Campioni.
5 Dalla stagione 1999-2000 fra le vincenti di Coppa Campioni e Coppa UEFA (dal 2009-10 Lega Europa).
6 Juventus (95-6) e Milan (88-9 e 93-4); il Milan vinse la Supercoppa europea 89-90, non come Campione d’Italia in carica (v. nota 2).
7 Juventus (83-4), Lazio (98-9) e Parma (92-3).
8 Milan (72-3), Juventus (83-8).
9 Juventus (76-7).
10 Juventus (83-4).
11 “Nipote di Voltaire e zio dei Bonaparte, Francisco de Miranda, il precursore dei libertadores, il maestro e l’ispiratore della generazione che darà la libertà all’America latina” (Ludovico Incisa di Camerana, I caudillos. Biografia di un continente, Milano, 1994, p. 57). Uomo d’armi, scrittore e storiografo, nacque a Caracas nel 1750, era ufficiale nelle unità dell’esercito spagnolo che intervennero nella guerra d’indipendenza degli Stati Uniti. Protagonista anche della Grande Rivoluzione, combattendo a Valmy e poi divenendo generale dell’esercito rivoluzionario; inviso a Fouquier-Tinville, fuggì in quanto girondino: il suo nome è scolpito sull’Arco di Trionfo a Parigi. In seguito partecipò alla lotta per l’indipendenza dell’America Latina. L’unico caso di militare che prese attivamente parte alle tre grandi rivoluzioni succedutesi fra il 1776 e il 1824.
12 La finale fu conquistata il 10 maggio 1961 battendo in semifinale, a Roma, il Torino per 1-1 (dts; 6-5 rig.), e la retrocessione matematica avvenne quattro giorni dopo nella partita capitolina col Milan (0-1).
13 Almanacco illustrato del calcio, LI (1992), Panini, Modena, 1991, p. 176.
14 Il Milan partecipò in sostituzione dell’Olympique Marsiglia, Campione d’Europa 93-4, squalificato dall’Uefa.
15 Vi partecipò in qualità di detentore della Coppa Coppe 1992-93.
16 La Juventus scelse di giocare semifinale e finale a San Siro, per una polemica legata allo stadio Delle Alpi.
Giovanni Armillotta
Giovanni Armillotta è direttore di «Africana» (Lucca), rivista di studi extraeuropei: periodico di classe A, per il settore 14/B2: Storia delle Relazioni Internazionali, delle Società e delle Istituzioni Extraeuropee, secondo l’Agenzia Nazionale di Valutazione del sistema Universitario e della Ricerca. Inoltre essa è fra le quattordici riviste italiane consultate dall’«Index Islamicus» dell’Università di Cambridge.
http://www.giovanniarmillotta.it
Top